“The Tales Pub”. Una fantastica scalata verso una cima di bontà

tales pub
Tempo di lettura: 3 min.

Il team di “Whereiseat” fa tappa al “The Tales Pub” di Solofra. La sosta perfetta per arricchire la rubrica “Whereisbeer”

Torna in pompa magna la rubrica “Whereisbeer“, la sezione dedicata agli amanti dei pub. Birre pregiate e rinfrescanti, pietanze gustose e innovative, location accattivanti e suggestive. Queste sono le prerogative per entrare con merito nella rubrica più amata dai nostri followers. Il nostro obbiettivo è di mantenere uno standard alto, anche se questa volta abbiamo raggiunto picchi di bontà mai raggiunti prima. Tranquilli, non dovrete scalare alcuna montagna o prendere l’tales pubaereo, vi basta giungere con tutta calma al “The Tales Pub” a Solofra.

Non ci arrogheremo certo il merito di aver scoperto questo fantastico pub nell’avellinese. “The Tales Pub”, infatti, è già da anni uno dei luoghi più rinomati nello sconfinato universo del food & drink. Per cui, un pò intimoriti dalla sfida tanto ardua, dopo un lungo allenamento ci siamo sentiti pronti per affrontare la scalata. Bavaglio alla gola, posate in mano, immancabile acquolina alla bocca: tutto pronto per l’arrampicata calorica!

Ogni boccone un bottone salta, ogni sorso di birra un brivido di piacere ci percuote, ma noi non molliamo. E come gli eroi più impavidi ci dirigiamo verso il locale in perfetto stile “irish“. Un casolare meraviglioso con arcate a tutto sesto, pareti in pietra e luci ben distribuite. Tre piani interni, ampio spazio esterno, allestimento ben curato. Insomma, già dal primo impatto la nostra sfida ci sembra un po’ meno spaventosa. Se poi ci si mette la cordialità del personale ed un menù eterogeneo e ben distribuito, più che una salita la nostra serata va giù che è una meraviglia!

Le nostre scelte

tales pubIl menù prevede una vasta quantità di antipasti, sfizi, fritti ma anche e soprattutto polpette. Di quest’ultime ce n’è una varietà mai vista prima che ci ha davvero sorpreso. Per non parlare poi della qualità! Possiamo solo dire che le polpette di vitello al ragù sono state come le bombole di ossigeno per chi scala l’Everest: essenziali ed uniche! Ma ce ne sono di tante altre e per tutti i palati. E poi primi piatti, secondi, bistecche, saltimbocca, insalate e panini. Impiegare mezz’ora a scegliere è più che lecito, insomma!

Tra i tanti panini assaggiati, noi vi consigliamo senza dubbio il “Buontempone“: porchetta casareccia cotta a legna,tales pub provola, funghi porcini e insalata. Spesse volte si tende a rimpinzare il panino di una quantità esagerata di ingredienti. Ma il mix migliore è quello che riesce a combinare pochi elementi ma con una tale maestria da valorizzarli tutti. E questo panino ne è la prova lampante. Delicato, ben equilibrato, gustoso e rinfrescante al palato. Uno dei migliori panini con porchetta mangiati fin ora.

Con cosa lo abbiamo accompagnato?  Con un’eccellente “borraccia” (passateci il termine da scalatore) di “Chouffe Houblon“. Si tratta di una birra giallo-dorata con un retrogusto rinfrescante e persistente ed una gradazione di 9%.

Cos’altro possiamo dirvi. Se al termine di qualsiasi scalata la vista dalla vetta pare meravigliosa, questa è stata la stessa nostra impressione. Ci siamo resi conto di aver vissuto un’esperienza totale, unica ed irripetibile che, passo dopo passo e gradino dopo gradino, ci ha condotto per una montagna di bontà. Consigliarvi “The Tales Pub” a Solofra, a questo punto, è solo una formalità!

Il team di “Whereiseat” approva e invita anche voi a compiere questa scalata!

Come ci siamo rinfrescati il palato dopo la cena? Scoprilo qui!